Antenne per telefonia mobile sui tetti dei condomini
Antenne per telefonia mobile sui tetti dei condomini
NOelettrosmog-piemonte.org - Coordinamento dei comitati spontanei di Torino e provincia contro l'elettrosmog

Home      News      Links      Contattaci

   

COMITATO ELETTROSMOG TORINO

Si chiede di eliminare la cabina elettrica posta nell'edificio di C.so Traiano 178 (TO)

IL CASO DEL SIG. GRAZIANO FIORELLO

Se le cabine elettriche sono assimilabili agli elettrodotti, una disposizione di legge degli anni Trenta, tutt'ora in vigore, questi non debbono essere inseriti nelle abitazioni, a questa ci si appella per chiedere:
PER LEGGE E PER ETICA, A QUANTI PER RUOLO, POSSANO VERIFICARE E INTERVENIRE PER ELIMINARE LA CABINA ELETTRICA DALLO STABILE DELLA PROPRIA ABITAZIONE.
Si chiede che:
•  sia nella legge nazionale, sia nella legge regionale, l'argomento venga rivisitato affinchè, le cabine elettriche per tutela della salute, siano eliminate dalle abitazioni e, per questo, si creino regole chiare, anche d'incentivo.


IL CASO DEL SIG. GIAMPIETRO MOGNO

Il Sig. Gianpietro Mogno è malato di sclerosi multipla. E' disabile grave curato dall'anziana madre. E' elettrosensibile. La propria malattia ha avuto un peggioramento (se non causa) per la presenza di una cabina elettrica di notevole potenza, posta all'interno dello stabile che, con molta probabilità, ha scatenato l'intolleranza alle variazioni elettromagnetiche artificiali. A seguito delle segnalazioni e proteste la cabina elettrica è stata sostituita con una meno potente. L'intolleranza del Sig. Mogno però si è acuita e anche l'attuale apparecchiatura, per lui, è una fonte insostenibile d'inquinamento ambientale perchè incide negativamente sulla sua salute già troppo debilitata.
Si è informato ed ha scritto un trattato pubblicato nel sito www.curarelasm.com
La tesi sostenuta dal Sig. Mogno è che le indagini epidemiologiche sono poco utili poiché per la proprietà fisica della "suscettività dei materiali ferromagnetici" è possibile provare fisicamente che, le alterazioni artificiali elettromagnetiche, hanno un'influenza sugli esseri viventi. A seconda delle situazioni generali, della permanenza in ambienti inquinanti per tempi e valori differenti, si hanno disturbi più o meno evidenti, più o meno precoci, parimenti, il corpo umano ha buone capacità di recupero e, se la situazione non è troppo compromessa, la soluzione per ottenere sensibili miglioramenti è assai semplice: ridurre le esposizioni agli inquinanti.
Se le cabine elettriche sono assimilabili agli elettrodotti, una disposizione di legge (1933 o 35 - tutt'ora in vigore) sostiene che questi non debbano essere inseriti nelle abitazioni, a questa ci si appella per chiedere:
PER LEGGE E PER ETICA, A QUANTI PER RUOLO, POSSANO VERIFICARE E INTERVENIRE PER ELIMINARE LA CABINA ELETTRICA DALLO STABILE DI C.so Traiano 178 e per collaborare con il Sig. Mogno per organizzare studi e strategie ambientali, estendibili a casi simili.

 

Ritorna Ritorna